2006
 
 
18 marzo: Pinerolo - Il Cro  
 
Proviamo una variante ad una meta arcinota nel pinerolese. Festeggiamo Massimo, orgoglioso della sua Trance nuova di zecca.
 
Alla prima salita l'orgoglio Ŕ giÓ ferito.
 
Transitiamo davanti alla boutique di un eccentrico hair stylist, un parrucchiere di montagna.
 
 
Le prime rampe fuori strada, ai limiti del possibile.
 
 
Una breve parentesi discesistica...
 
..e ci ritroviamo purtroppo in ambiente noto, quello delle strade lastricate di ghiaccio. Ci aspetta un'altra lunghissima ed estenuante prova di equilibrio...
 
...con dei prevedibili inconvenienti.
 
 
 
L'arrivo al Cro, in ambiente natalizio, nonostante la primavera alle porte.
 
L'accoglienza della trattoria del Boscaiolo, cui siamo ormai affezionati.
 
Felice, quasi debuttante, Ŕ giÓ pratico di integratori idrosalini.
 
Finiti i bagordi, siamo al colle Ciardonet, dove mancano solo i soldati sovietici che urlano: Davai!! (camminare)
 
Termina l'agonia, ci si diverte nel bosco dell'Impero, pulito e asciutto, come al solito.
 
 
Si continua a scendere, su mulattiere scivolose, patendo la neve, la pioggia, il gelo, chiudendo il giro tra i brividi...
 
...ma il giorno dopo...